Come si utilizza

Cosa è importante sapere

Usare LifeCharger vuol dire entrare in una community di pazienti che pensano sia rilevante condividere le informazioni per migliorare le cure. Migliorare le cure per se per gli altri.

I dati raccolti infatti vengono resi disponibili alle Case Farmaceutiche ed ai ricercatori per studiare nuove cure o migliorare le esistenti.

Inserire con precisione le informazioni è importante prima di tutto per se. Queste informazioni aiuteranno a fornire un quadro sempre più preciso al proprio medico. Ma sono importanti anche per gli altri. Su queste informazioni è possibile lavorare per il miglioramento delle cure.

LifeCharger ti vuole aiutare anche ad essere maggiormente consapevole delle terapie che stai seguendo. Molti studi indicano proprio la consapevolezza come il primo elemento per una maggiore aderenza alle terapie. 

La prima cosa che bisogna fare per utilizzare LifeCharger è quella di scaricare l'applicazione dagli store e creare un utente.

LifeCharger in fase di registrazione richiede di indicare un "NICKNAME" ovvero un nome fittizio che identifica l'utente ed una password.

Dopo la registrazionei si può cominciare ad usare LifeCharger. Il primo passo è quello di inserire le proprie terapie.

E' un'azione importante da fare con attenzione. Aiuta a fare mente locale su tutto ciò che il medico ci ha prescritto. Le terapie infatti sono si i farmaci che devono essere assunti ma anche quell'insieme di azioni, controlli, cambiamenti dello stile di vita, ecc. che il nostro medico ci ha suggerito.

Dedica il giusto tempo a questa operazione.

Arricchisci il tuo cassetto dei farmaci. Ti aiuterà a tenere traccia di tutti quegli eventi nel corso del tempo possono accadere. Questo sarà poi utile quando si va a fare le visite di controllo. Riportare un quadro completo al nostro medico, anche particolari che a volte si tende a trascurare, aiuta il medico a curarti meglio.

I primi passi: crea una terapia

 

 

Programma le altra attività

Come usare al meglio LifeCharger ogni giorno

Come condividere per farsi aiutare